Interrogazione urgente sulla questione palestinese

Interrogazione urgente

Al Ministro per gli affari esteri

al Ministro per il commercio estero

al Ministro per le politiche comunitarie

Premesso:

– che sui quotidiani degli ultimi giorni, ed in particolare di domenica 13 aprile e di lunedì 14 aprile, sono pubblicate diverse testimonianze di giornalisti che confermano che di recente le truppe israeliane hanno operato nel campo profughi di Jenin, nei Territori Occupati, una strage di civili palestinesi;

– che sarà difficile calcolare le effettive dimensioni del massacro lì operato, in quanto la Corte Suprema di Israele ha autorizzato la sepoltura delle vittime da parte dell’esercito;

– che dalle testimonianze è presumibile una cifra elevatissima di deceduti, molti dei quali bambini, anziani, donne, nel massacro di Jenin;

– che tale problema è già stato sollevato da molti parlamentari della Knesset, fra cui Issam Makhoul, che sull’ultimo numero del settimanale "La Rinascita" (numero 15 del 19 aprile 2002) accusa apertamente Ariel Sharon di "brutale crimine contro l’umanità";

– che le azioni portate avanti a Jenin, come le altre azioni condotte in queste settimane, non appaiono per nulla come azioni di polizia mirate ad arrestare singoli terroristi o gruppi di terroristi palestinesi, ma come operazioni di guerra tese a distruggere la struttura politica e amministrativa dell’Autorità nazionale palestinese e in larga parte la popolazione civile palestinese;

– che in tali operazioni sono state poste in essere violazioni di ogni trattato internazionale;

– che non si ha alcuna notizia né sul numero degli arrestati dalle truppe israeliane, né sui luoghi di detenzione, né sulle condizioni di detenzione, in violazione di qualsiasi accordo e legge internazionale;

– che tutto ciò non ha nulla a che vedere con l’esistenza dello Stato di Israele, che è fuori discussione, ma che invece riguarda la distruzione dell’Autorità nazionale palestinese, cioè del germe organizzato che avrebbe potuto dar vita ad un futuro Stato palestinese, e riguarda la permanenza della popolazione civile palestinese nei luoghi dove oggi risiede, e in alcuni casi l’esistenza stessa in vita di tale popolazione;

– che ad oggi l’invasione prosegue nonostante ripetuti inviti al ritiro da parte del Presidente americano Bush e nonostante la recentissima missione di Powell;

chiedono di sapere:

1) cosa intenda fare immediatamente e concretamente il governo italiano al fine di far cessare l’invasione delle truppe di Sharon, con il conseguente ritiro immediato dai Territori;

2) se intenda rivedere i rapporti commerciali fra Italia e Israele;

3) se intenda operare perché si rivedano i rapporti commerciali privilegiati fra Europa e Israele ed in particolare perché si proceda ad un’azione coordinata a livello europeo almeno per bloccare le esportazioni di armi e di componenti di armi;

4) se intenda operare affinchè una delegazione del Parlamento italiano si rechi subito nei territori ed in particolare a Jenin e Betlemme, ove è in corso, come è noto, un drammatico assedio;

5) se intenda intervenire a tutti i livelli per conoscere il numero dei prigionieri di guerra degli israeliani, i luoghi di detenzione, le condizioni di detenzione, i tempi e le modalità degli eventuali processi;

6) se intenda richiamare il nostro Ambasciatore a Tel Aviv, anche alla luce di recenti espulsioni, senza motivazione alcuna, di parlamentari e di cittadini italiani dal territorio israeliano;

7) se e come intenda aiutare subito economicamente e dal punto di vista sanitario le popolazioni palestinesi, in particolare la popolazione di Jenin;

8) se e come intenda operare subito per far cessare l’assedio della Basilica della Natività di Betlemme;

9) se non intenda promuovere l’apertura di un’inchiesta internazionale dell’ONU su quanto avvenuto;

10) se voglia operare, anche a livello europeo, perché Israele rimuova ogni veto ed ogni ostacolo all’ingresso delle organizzazioni umanitarie per poter recare assistenza alle donne, anziani e bambini che si aggirano tra le macerie nella vana ricerca di aiuti alimentari e di medicinali.

Sen. Luigi Marino

Sen. Gianfranco Pagliarulo

Sen. Angelo Muzio Roma 17 aprile 2002