Interrogazione sulla previdenza dei lavoratori italiani all’estero

INTERROGAZIONE

Al Ministro del Lavoro

Al Ministro per gli italiani nel mondo

Per sapere:

– quali determinazioni abbiano adottato o stiano per adottare allo scopo di assicurare ai nostri connazionali emigrati il loro diritto ad ottenere, al pari di ogni altro cittadino residente in Patria , l’aumento delle pensioni al minimo;

– per segnalare che le contraddittorie interpretazioni delle norme di legge da parte dell’INPS circa i diritti previdenziali dei connazionali emigrati all’estero, oltre che fonte di allarme presso i connazionali che vivono in condizioni economicamente difficili e disagiate, mettono in discussione l’uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge e i diritti costituzionali;

Per chiedere ai ministri in indirizzo:

– che sia data una risposta costituzionalmente corretta alle attese e ai bisogni, che sia univoca per tutti i connazionali ovunque risiedano, nel territorio della Repubblica, o nei paesi ove sono emigrati;

– che ne sia data tempestiva comunicazione ai Consolati affinchè ne rendano edotti gli italiani che risiedono nelle rispettive Circoscrizioni.

Sen. Luigi Marino

Sen.Angelo Muzio

Sen. Gianfranco Pagliarulo

Roma, 21 maggio 2002