Interrogazione sulla dichiarazione di Federmeccanica sul rinnovo del contratto

Interrogazione a risposta scritta

Al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali

Premesso che:

§ come riportato da tutti gli organi di stampa, il 10 febbraio scorso, il direttore generale di Federmeccanica ha testualmente affermato di essere pronto ad applicare ai lavoratori la norma del contratto che prevede sanzioni per il ritardato pagamento dell’indennità di carenza contrattuale, in vista dello sciopero generale dell’industria proclamato per il 21 febbraio prossimo;

§ secondo il direttore generale di Federmeccanica "le rivendicazioni della Fiom-Cgil sembrano costruite per cambiare il mondo, non per rinnovare un contratto nazionale di lavoro. Uno sciopero a sostegno delle richieste contrattuale nei primi mesi di trattativa è una violazione della pace sindacale. La scorrettezza è evidente".

§ prevedere sanzioni contro i lavoratori che scioperano per far valere ragioni di interesse generale è un atto illegale e anticostituzionale.

gli interroganti chiedono di sapere:

§ se, giudicando gravi e minacciose le dichiarazioni di Federmeccanica, non ritenga opportuno adoperarsi, con tutti gli strumenti in suo possesso, al fine di ristabilire un clima sereno, costruttivo e rispettoso tra le parti, capace di poggiare la trattativa sui giusti binari del confronto e della buona decenza, evitando di attaccare in maniera così violenta un diritto fondamentale dei lavoratori.

Sen. Luigi Marino

Sen. Angelo Muzio

Sen. Gianfranco Pagliarulo

Roma, 12 febbraio 2003