Procaccini (PC d’Italia): “Un bilancio negativo per la presidenza di Napolitano”

FI CONTRO NAPOLITANO, GIOCÒ RUOLO IN CADUTA BERLUSCONI

 

La notizia delle dimissioni di Giorgio Napolitano da Presidente della Repubblica non sorprende poichè già largamente  preannunciate. Si chiude una presidenza tormentata che è stata caratterizzata, specie nella sua seconda metà, da un eccesso nell’esercizio delle funzioni costituzionalmente assegnate al Presidente della Repubblica. Dalla nomina di Mario Monti a premier in avanti, la presidenza di Napolitano, più che porsi nel solco della custodia della Costituzione e dei suoi valori, ha contribuito in maniera non secondaria ad uno snaturamento della funzione presidenziale stessa, spianando la strada a riforme costituzionali distruttive ed antidemocratiche. Il lavoro politico dei comunisti è volto alla difesa della Costituzione repubblicana ed alla sua attuazione.

 

Cesare Procaccini, segretario naz.le Partito Comunista d’Italia