Cos'è una planetaria?

Cos’è una planetaria?

La tecnologia ha fatto, sta facendo e farà passi da gigante in tutti i campi, è neanche la cucina è stata esclusa. Gli elettrodomestici hanno semplificato la vita di tutti. Ci sono alcuni di essi di cui non possiamo farne a meno, come ad esempio il forno o la lavatrice e altri invece che sono considerati come un piccolo lusso, ma molto utili.

Cos’è una planetaria?

Iniziamo con il dire cos’è una planetaria. La planetaria non è altro che un’attrezzatura che serve per impastare (infatti è chiamata anche impastatrice orbitale), ma può anche essere usata per amalgamare e montare un qualsiasi composto.

Ne esistono sia di professionali, che di domestiche. Viene chiamata planetaria per il suo movimento orbitale, simile a quello dei pianeti. Questo movimento consente di amalgamare, montare o impastare in modo omogeneo.

I tre accessori principali sono:

      • La paletta per mescolare composti di media densità
      • La frusta per montare
      • Il gancio per impastare

Tipi di fruste della planetaria

Le due fruste che di solito vengono fornite in una planetaria sono:

      • Frusta K o frusta a foglia
      • Frusta a filo

– Frusta a K o a foglia

La frusta a foglia, chiamata anche frusta a k, è l’accessorio che sostituisce le mani e i cucchiai di legno. Infatti la sua funzione è quella d’impastare.

Si utilizza per la lavorazione d’ingredienti come uova e farine, dove lo sforzo necessario non è da poco.

– Frusta a filo

La frusta a filo invece, viene utilizzata per la lavorazione d’impasti più leggeri, spumosi o liquidi; come per esempio le miscele di uova e zucchero, la montatura della panna, che richiedono sforzi minori, ma decisamente tempi molto più lunghi.

Il gancio

Questo accessorio è davvero indispensabile per chi ama fare impasti per la pizza, pane o pasta fatta in casa.

Infatti il gancio lavora e amalgama in modo omogeneo il composto, fino a farlo diventare compatto ed elastico evitando inoltre che si attacchi alla planetaria.

Pulizia e manutenzione

Come ogni attrezzo da cucina, anche la planetaria va lavata e pulita ad ogni utilizzo. Per la pulizia di ogni attrezzo, basterà una spugnetta e un sapone neutro. Il gancio e il contenitore, se si ritiene opportuno, può essere immerso in acqua calda, per facilitarne la pulizia da eventuali incrostazioni.

Il corpo del motore invece, è consigliabile pulirlo solo con un panno umido. Meglio evitare detersivi, poiché il motore potrebbe rompersi e rovinarsi.

Come usare la planetaria

Di solito l’uso della planetaria è molto semplice e intuitivo.

Nella maggior parte dei casi, soprattutto quando si devono amalgamare degli ingredienti, è consigliabile partire con una velocità bassa per poi aumentarla gradualmente (in base alla preparazione).

Questo per evitare la fuoriuscita degli ingredienti dalla planetaria.

Inoltre bisogna prestare attenzione ai tempi di lavorazione in base al composto che si deve preparare.

Ci saranno composti dove ci vorranno pochi minuti e altri in cui il tempo richiesto sarà maggiore.

Ad esempio per la preparazione dei muffin, il tempo richiesto sarà minore, visto che anche se si dovessero formare dei grumi, il composto sarebbe pronto comunque per essere infornato. Al contrario di un impasto per la pizza, dove il composto dovrà essere omogeneo ed elastico.

Come scegliere la planetaria

Naturalmente di tipi di planetarie ne esistono di vari modelli e prezzi. Se si decide di acquistarne una è bene fare attenzione a questi piccoli accorgimenti:

  • Meglio scegliere un modello di almeno 325 watt, perché così risulterà versatile a tutti i tipi di preparazioni descritte in precedenza.
  • Verificare che abbia almeno 10 tipi di velocità.
  • Scegliere un modello che abbia la funzione di riposo, visto che potrebbe capitare che in alcune ricette si debba aggiungere più volte un ingrediente.
  • Consigliato inoltre, verificare la grandezza del recipiente, in base alle proprie esigenze.
  • Cercare una planetaria che abbia la possibilità di aggiungere degli accessori, ad esempio il tritacarne.

Questi erano solo alcuni dei suggerimenti per orientare l’acquisto. Se si vuole approfondire, si può visitare questo sito per consultare la classifica delle migliori planetarie in commercio.

 

About: admin