5 cose da sapere sul cambio gestore di luce e gas

5 cose da sapere sul cambio gestore di luce e gas

Effettuare un cambio gestore di luce e gas è molto più semplice di ciò che si pensi. Spesso è relazionato a un’offerta più adeguata nell’intento di ridurre i costi in bolletta o perché si è deciso di passare all’offerta del mercato libero.

Cambiare fornitore di luce e gas è normalmente gratuito, oltre a comportare un risparmio in bolletta. Prima di accettare un’offerta, è consigliabile confrontare i prezzi e i servizi dei vari operatori e le recensioni su fornitori come Pulsee Energia.

Vediamo cosa bisogna tenere in considerazione per cambiare gestore e quali sono le tempistiche e le modalità.

Cose da sapere sul cambio di gestore

Non importa se il cambio riguarda un uso domestico o professionale, ma ci sono delle cose che restano uguali:

  • Il cambio al mercato libero è gratuito;

  • Non ci sono penali da pagare se si decide di cambiare fornitore, contrariamente a quanto succede per altri contratti;

  • La fornitura di luce e gas continua durante il cambio di fornitore e non possono essere interrotte;

  • Si cambia la società di vendita della materia prima, ma non quella che la distribuisce.

  • Se il contratto è stato sottoscritto per via telefonica o su internet si hanno a disposizione 14 giorni per ripensarci ed eventualmente cancellare la sottoscrizione senza nessun costo aggiuntivo.

Quanto costa cambiare gestore?

Passare a un nuovo gestore di luce e gas è gratuito quando si passa al mercato libero, sempre che si tratti del primo cambio di gestore effettuato nei 12 mesi precedenti.

Il passaggio a un nuovo gestore prima di 12 mesi potrebbe comportare un costo di 27€ a discrezione del fornitore. Se invece si effettua un passaggio dal mercato libero al mercato tutelato, ci sarà un bollo di 16€ da pagare.

Qual è la differenza tra mercato libero e mercato tutelato?

Nel mercato tutelato il prezzo è stabilito dall’Autorità e cambia ogni 3 mesi, mentre sul mercato libero il prezzo è stabilito dal fornitore. In quest’ultimo caso l’utente può sottoscrivere un contratto a costo fisso dove il prezzo della materia prima resterà uguale per la durata del contratto, oppure a costo variabile seguendo le oscillazioni del mercato.

Le altre voci in bolletta come oneri generali di sistema, imposte e servizi di rete sono presenti in entrambe le bollette. I fornitori di luce e gas del mercato libero possono anche includere offerte verdi specificando la provenienza della materia prima o includere manutenzione e assistenza caldaia tra i servizi offerti. Cosa non possibile nel caso del mercato tutelato.

Il mercato tutelato non esisterà più dal gennaio 2023!

Quali sono le tempistiche per cambiare gestore di luce e gas?

Le tempistiche per il cambio di gestore di luce e gas sono stabilite dalla legge. La stessa prevede che sia il nuovo fornitore a mandare il recesso dal vecchio contratto.

Il cambio avviene di norma il primo giorno del mese successivo alla data di ricezione del contratto di recesso da parte del vecchio fornitore. Sempre se stiamo parlando di uso domestico.

Quali documenti servono per il cambio di gestore?

Una volta selezionato il fornitore con l’offerta più consona ai propri consumi, il cambio si potrà effettuare comodamente al telefono oppure direttamente su internet.

In linea di massima i documenti necessari per il cambio sono:

  • Documento d’identità per rilevare i dati dell’intestatario;

  • Codice fiscale;

  • Indirizzo e codice POD per la luce e PDR per il gas;

  • Recapito telefonico e indirizzo email;

  • Codice IBAN nel caso si opti per la domiciliazione bancaria.

Conclusione

I tempi tecnici, il costo gratuito e le informazioni di cui si hanno bisogno per cambiare gestore di luce e gas rendono questa richiesta molto semplice e veloce, contrariamente alla lunga burocrazia a cui siamo abituati.

Il vecchio fornitore dovrà sempre mandare l’ultima fattura per il conguaglio, mentre qualche giorno prima del cambio effettivo, il distributore comunicherà la lettura del contatore al nuovo gestore per far partire la corretta fatturazione.

About: admin